Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Zero Robotics

19 Dicembre 2017 . E anche quest'anno due squadre di studenti del Liceo "Francesco Cecioni", Livorno (Italia) si classificano per le  finali del torneo internazionale ZeroRobotics. Prima dell'eccellente classifica, le classi hanno dovuto collaborare con altre squadre in tutto il mondo. "Crab Nebula" di Livorno è entrato a far parte di "Waherl" (Portland, OR, USA) e "UnusualProgrammers" (Padova, Italia), mentre l'altra squadra di Livorno "ProximaCentauri" ha collaborato con "Team Lake" (Houston, TX, USA) e "Vectory" (Sidney, Australia). La partita finale si svolgerà anche con vere sfere a bordo della ISS giovedì 2018 -11-gen.

Zero Robotics è una competizione di programmazione in cui agli studenti viene presentata una sfida ("il gioco"). Due squadre competono contemporaneamente per ottenere le migliori prestazioni nel gioco. I team scrivono un codice completo  tramite il sito Web Zero Robotics, che  fornisce una  simulazione ad alta fedeltà dei satelliti SPHERES. Utilizzando lo stesso sito Web, gli studenti vedono risultati simulati delle loro prestazioni del codice. La competizione ricorda molto il modo in cui il software è scritto per veicoli spaziali, richiedendo agli studenti di scrivere codice che controlla la posizione e il puntamento del satellite, comunica con altri satelliti e interpreta i suoi sensori per determinare cosa fare dopo. Tutti questi compiti sono fatti autonomamente - una volta che gli studenti scrivono il loro codice, non possono modificarlo per quella "esecuzione"; nel caso delle Finali ISS il codice non può essere modificato, proprio come nel vero veicolo spaziale!

Il gioco di quest'anno chiamato LIFE-SPHERES è legato al successo della missione Cassini e ruota attorno all'idea che i satelliti di SPHERES abbiano raggiunto "Encelado" (una luna di Saturno). Agli studenti è richiesto di perforare campioni di ghiaccio dal polo sud della luna in cerca di vita e restituire i campioni a una stazione base per l'analisi. L'obiettivo del gioco è quello di trovare e raccogliere la maggior parte dei campioni con la più ricca concentrazione di microrganismi. Per vincere la competizione, tuttavia, gli studenti devono fare attenzione a) evitare il contatto con la topografia irregolare della superficie ghiacciata e b) fare attenzione  al sottosuolo del polo sud di Encelado dove esistono grandi quantità di gas ad alta pressione, quindi la perforazione ha il potenziale di attivazione di potenti geyser che possono spingere i satelliti fuori rotta e causare la perdita di campioni raccolti.

Kayser Italia è orgogliosa di supportare entrambe le squadre in competizione nell'ambito del programma più ampio di "Alternanza Scuola Lavoro"

 


 

December 19th 2017 . And also this year two teams of students from the Liceo "Francesco Cecioni",Livorno (Italy) gain the final matches of the international ZeroRobotics tournament. Before the excellent classification, the classes have had to team up with other team around the world. "Crab Nebula" from Livorno joined "Waherl" (Portland, OR, USA) and "UnusualProgrammers" (Padova, Italy), while the other team from Livorno "ProximaCentauri" teamed up with "Team Lake" (Houston, TX, USA) and "Vectory" (Sidney, Australia). The final match will take place also with real Spheres on board the ISS on Thursday 2018-Jan-11.

Zero Robotics is a programming competition where students are presented with a challenge (“the game”). Two teams compete at a time to achieve the best performance in the game. The teams write all of their code via the Zero Robotics website, which has a high-fidelity simulation of the SPHERES satellites. Using the same website the students see simulated results of their code performance. The competition closely resembles the way software is written for spacecraft, requiring the students to write code that controls the satellite position and pointing, communicates with other satellites, and interprets its sensors to determine what to do next. All of these tasks are done autonomously - once the students write their code, they cannot modify it for that “run”; in the case of the ISS Finals the code cannot be changed, just like in real spacecraft! This year's game called LIFE-SPHERES is tied to the success of the Cassini mission and centers around the idea of the SPHERES Satellites having reached “Enceladus” (a moon of Saturn). Students are tasked to drill ice samples from the moon’s southern pole in search of life and return the samples to a base station for analysis. The goal of the game is to find and collect the most samples with the richest concentration of microorganisms. In order to be victorious, however, students must be careful to a) avoid contact with the uneven topography of the icy surface and  b) beware that beneath the surface of Enceladus’s southern pole exist large amounts of high pressure gases so drilling has the potential of activating powerful geysers which can push the Satellites off course and cause loss of collected samples.

Kayser Italia is proud to support  both team in the competition as part of a wider programm called "Alternanza Scuola Lavoro".

 

MTROP preparing to launch

December 13th 2017 . Kennedy Space Center, FL – The Kayser Italia integration team is working at the NASA Kennedy Space Center to support the integration and the launch of the “Multi-Trop” experiment to be launched with SpaceX-13. The experiment will verify the role of the water and of the nutritive elements in the orientation and growth of the roots in zero-g conditions. Although “Multi-trop” is an educational experiment (University “Federico II” and “Silvestri” lyceum in Naples), the students experienced all the management and development steps of an experiment flying on-board the ISS. Once on  board the experiment will be managed by the astronauts crew. The launch is expected on Dec, 15th 2017

 


 

NANOROS and CORM samples delivering

December 13th 2017, Livorno (Italy) – cell culture samples belonging to CORM and NANOROS, two out of four experiments of the VITA Mission landed on September 18 on board the CRS-12 Dragon capsule, are "under analysis" in the research laboratories of the University of Florence and of the Italian Institute of Technology.

On October 27th, the NANOROS experiment, transported at controlled temperature, was delivered to the IIT of Pontedera, while the CORM experiment was delivered on October 30th to the University of Florence team.

In the labs, the Kayser Italia team operated the disassembly of the equipment and allowed the recovery of the samples to the scientific teams. Sample processing started immediately and the first data are expected for the beginning of 2018!

 

      NANOROS - Team                                                  CORM - Team


 

IN SITU ultima sessione Bioanalysis

4 Dicembre 2017. Paolo Nespoli ha eseguito a bordo della Stazione Spaziale Internazionale l'ultima sessione dell'esperimento seguito dal gruppo di ricerca dell' Università di Bologna diretto dal Prof. Aldo Roda. La quinta ed ultima sessione del progetto IN SITU Bioanalysis si è svolto in collegamento diretto col centro di controllo dell'Agenzia Spaziale Italiana presso le facilities di Kayser Italia (Livorno).

Il biosensore portatile per l'analisi in tempo reale dei campioni di saliva a scopo diagnostico è stato progettato e sviluppato dal Laboratorio di Chimica e bioanalitica dell'Alma Mater Studiorum e supportato per gli aspetti ingegneristici e di spazializzazione da ALTEC. Il progetto finanziato e coordinato da ASI si avvale del supporto di Kayser Italia per le interazioni con NASA.

L'astronauta Paolo Nespoli ha eseguito durante tutte le sessioni di IN SITU diversi prelievi al fine di misurare in tempo reale il proprio livello di stress controllando i quantitativi di cortisolo nei campioni salivari.

Le sessioni sperimentali hanno confermato il buon esito delle prove confermando il corretto funzionamento del biosensore nelle condizioni di impiego sulla Stazione Spaziale Internazionale. L'esperimento segna un sensibile passo in avanti per quanto riguarda la valutazione dello stato psico-fisico degli equipaggi spaziali costituendo un primo approccio per la diagnosi a distanza di eventuali disturbi e la conseguente attivazione di terapie farmacologiche

    


 

Copyright