Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Kayser Italia achieves EN9100 certification

 Livorno – June 23, 2017

Kayser Italia announced today that it has been certified to the UNI EN 9100:2009 Standard for “Design, manufacturing, testing and product support of aerospace research systems, satellite systems and subsystems, avionics systems for defence”. The Company got the EN9100 Certification from the Certification body UNAVIAcert (Certification number: 00297-N as of date 2017-05-12).

The new UNI EN 9100:2009 certification, together with the UNI EN ISO 9001:2008 already achieved by the company, continue Kayser Italia’s commitment to providing the most consistent and highest quality products and services, while continually improving all of its business functions.


 

Kayser Italia contribuisce alla missione PLATO dell’ESA

                                                                                               

                      Searching for exoplanetary systems. Credit: ESA/C. Carreau

 

Mercoledì 21 giugno – Durante la riunione tenutasi a Madrid il comitato scientifico dell’ESA, confermando il programma Cosmic Vision 2015-2025, ha ufficialmente adottato la missione PLATO (PLAnetary Transit and Oscillations of stars).

Grazie al gruppo di 26 piccoli telescopi PLATO osserverà una porzione di Universo molto ampia da un punto di osservazione privilegiato quale il punto Lagrangiano L2 (uno dei punti di equilibrio del sistema gravitazionale Sole-Terra). Lo scopo principale della missione è di formare una mappa dei pianeti simili alla Terra che ruotano intorno alle stelle più vicine al nostro sistema solare. La strumentazione di PLATO permetterà di stimare la massa, le dimensioni e l’età di tali pianeti con precisioni superiori a quelle delle precedenti missioni per la ricerca di eso-pianeti.

L’Italia, attraverso l’ASI, ha un ruolo fondamentale nella missione. In particolare Kayser Italia è responsabile della progettazione e realizzazione della ICU (Instrument Control Unit), il cervello che controllerà i telescopi di PLATO. La Kayser Italia, che l’anno scorso si è aggiudicata la gara per il contratto industriale di fase B\C1, collaborerà con gli Istituti INAF di La Palma, Firenze e Roma, che hanno la responsabilità scientifica della realizzazione della ICU, e con l’Istituto IWF (Institut für Weltraumforschung) di Graz (Austria) che contribuisce con la realizzazione di alcune parti.     

Ref: http://www.asi.it/it/news/plato-via-libera-dellesa

Ref: http://www.media.inaf.it/2017/06/21/via-libera-a-plato-cacciatore-europeo-di-esopianeti/

Ref: http://www.ilmessaggero.it/tecnologia/scienza/il_cacciatore_di_esopianeti_europeo_plato-2517721.html

Ref: https://www.theregister.co.uk/2017/06/22/plato_mission_to_find_alien_life_is_given_the_thumbs_up 

Ref: http://www.ansa.it/toscana/notizie/2017/06/21/spazio-plato-a-caccia-gemello-terra_389db709-5717-46c9-b835-e4356b5d614c.html

 

Kayser Italia contributes to the ESA PLATO mission

June 21st 2017 - During the meeting held in Madrid, the ESA Scientific Committee, confirming the Cosmic Vision 2015-2025 program, officially adopted the PLATO (PLAnetary Transit and Oscillations of stars) mission.

Using its 26 small telescopes PLATO will observe a large portion of Universe from a privileged point of view such as the Lagrangian L2 point (one of the balancing points of the Sun-Earth gravitational system). The main purpose of the mission is to make a survey of Earth-like planets rotating around the stars closest to our solar system. PLATO's instrumentation will allow to estimate mass, size, and age of such planets with more precision than previous missions for the search of exo-planets.

Italy, through the Italian Space Agency (ASI), plays a key role in the mission. In particular Kayser Italia is responsible for the design and implementation of the Instrument Control Unit (ICU), the brain that will control PLATO's telescopes. Kayser Italia, which is in charge for the Phase B \ C1 of the industrial contract since last 3rd of May, will collaborate with the INAF Institutes of La Palma, Florence and Rome, which have the scientific responsibility for the implementation of the ICU, and with IWF Institute (Institut für Weltraumforschung) in Graz (Austria), which contributes with the development of some parts.

 Ref: http://www.asi.it/it/news/plato-via-libera-dellesa

Ref: http://www.media.inaf.it/2017/06/21/via-libera-a-plato-cacciatore-europeo-di-esopianeti/

Ref:  http://www.ilmessaggero.it/tecnologia/scienza/il_cacciatore_di_esopianeti_europeo_plato-2517721.html

Ref: https://www.theregister.co.uk/2017/06/22/plato_mission_to_find_alien_life_is_given_the_thumbs_up

Ref: http://www.ansa.it/toscana/notizie/2017/06/21/spazio-plato-a-caccia-gemello-terra_389db709-5717-46c9-b835-e4356b5d614c.html

 

 


 

HAM TV recent contact

Livorno – June 15th, 2017

When the International Space Station (ISS) was over the Europe, the HAM radio contact has been established between the Space Centre Houston, Houston, TX (USA) and the ISS. The link was possible thanks to the on-board HAMVIDEO transmitter, developed by Kayser Italia, and to the amateur radio stations in a ground segment in Europe.

 

Here is the movie recorded on the HAM TV ground station in Poland:

https://www.youtube.com/watch?v=ukzVKlBn2FU


 

Zero Robotics & School Summer: la scuola incontra il futuro

   

13-15 Giugno 2017 , Livorno. Nell'ambito del programma ALTERNANZA SCUOLA LAVORO, che coinvolge Kayser Italia e il Liceo Scientifico Cecioni di Livorno, si sono svolti i primi due incontri presso l'azienda livornese riguardo due progetti ambiziosi degli allievi:

ZERO ROBOTICS che prevede una gara per la progettazione di un software che permetta di manovrare in condizioni particolari come quelli sulla ISS le sfere robotiche: gli studenti saranno impegnati quindi non solo nella programmazione del software, ma anche in tutti i processi relativi allo sviluppo, quali analisi , validazione  e verifica del software stesso. Verranno affrontate anche tutti le problematiche della gestione del software quali programmazione, cooperazione fra più soggetti, modifiche e revisioni.

Per quanto riguarda invece i processi didattici integrati con SCHOOL SUMMER, gli studenti partecipano al progetto per la realizzazione di un radiotelescopio. Obiettivi didattici saranno quindi quelli di capire come funziona un radiotelescopio, utilizzare lo strumento, apportare eventuali modifiche, pianificare i lavori e rispettare le scadenze, per poi concludere il percorso con sessioni di osservazione. I risultati verranno presentati nella sede Kayser Italia il 29 Giugno prossimo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Copyright