Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

IN SITU ultima sessione Bioanalysis

4 Dicembre 2017. Paolo Nespoli ha eseguito a bordo della Stazione Spaziale Internazionale l'ultima sessione dell'esperimento seguito dal gruppo di ricerca dell' Università di Bologna diretto dal Prof. Aldo Roda. La quinta ed ultima sessione del progetto IN SITU Bioanalysis si è svolto in collegamento diretto col centro di controllo dell'Agenzia Spaziale Italiana presso le facilities di Kayser Italia (Livorno).

Il biosensore portatile per l'analisi in tempo reale dei campioni di saliva a scopo diagnostico è stato progettato e sviluppato dal Laboratorio di Chimica e bioanalitica dell'Alma Mater Studiorum e supportato per gli aspetti ingegneristici e di spazializzazione da ALTEC. Il progetto finanziato e coordinato da ASI si avvale del supporto di Kayser Italia per le interazioni con NASA.

L'astronauta Paolo Nespoli ha eseguito durante tutte le sessioni di IN SITU diversi prelievi al fine di misurare in tempo reale il proprio livello di stress controllando i quantitativi di cortisolo nei campioni salivari.

Le sessioni sperimentali hanno confermato il buon esito delle prove confermando il corretto funzionamento del biosensore nelle condizioni di impiego sulla Stazione Spaziale Internazionale. L'esperimento segna un sensibile passo in avanti per quanto riguarda la valutazione dello stato psico-fisico degli equipaggi spaziali costituendo un primo approccio per la diagnosi a distanza di eventuali disturbi e la conseguente attivazione di terapie farmacologiche

    


 

Copyright